Recensione Clarendon 2004 17 yo

Degustazione Rum Clarendon 17 yo 2004

info-tabella-prodotto
X
57.1 %
N.D.
No
> 48/h
250.00
Rum Lovers

Descrizione

Clarendon 2004 è un rum di 17 anni prodotto dalla distilleria Clarendon in Giamaica. Questo imbottigliamento è un single cask selezionato da Precious Liquors.

Storia di Clarendon Distillers

La storia di Clarendon Distillers Ltd è particolarmente complessa, non che le altre distillerie abbiano una storia facile da raccontare, ma questa le batte un pò tutte.

Primo punto da chiarire: non ha nulla a che vedere con la distilleria che produce New Yarmouth, quest’ultima si trova sempre a Clarendon ma a circa 12 km di distanza e prende il nome di New Yarmouth Estate.

Secondo punto da chiarire: come abbiamo visto nella recensione di Cambridge STC♥E, questa distilleria insieme a Long Pond fa parte della National Rums of Jamaica Ltd. Questo gruppo è partecipato dal governo giamaicano, da West Indies Rum Distillery Ltd delle Barbados e da Demerara Distillers della Guyana. Come se non bastasse, una percentuale di minoranza della Clarendon Distillery è detenuta anche da Diageo. Un bel mix insomma.

Scavando un pò più approfonditamente sulla storia di questa distilleria, vediamo che è strettamente connessa a quella di Monymusk, altro nome di rum conosciuto ai più. Possiamo dire che erano una cosa sola fino alla divisione delle due società in Clarendon Distillers e in Monymusk Sugar Factory nella seconda parte del ‘900. Lo zuccherificio mi risulta ad oggi inattivo.

Dalla mappa, facilmente consultabile su google, si nota come la distilleria Clarendon è divisa in due distillerie. Una dedicata agli alambicchi pot still (2 a doppia storta) ed una costituita da alambicco multi-colonna installato nel 2009. Entrambe hanno vasche di fermentazione dedicate. La produzione annuale è di circa 16 milioni di litri di alcool all’anno il che la rende una delle distillerie più grandi della Giamaica. Facile immaginare che la stragrande maggioranza di questi litri viene prodotta dall’alambicco a 4 colonne.

La maggior parte della produzione è destinata alla vendita in bulk (ad esempio per le miscele di Captain Morgan di Diageo o a società di trading come E&A Scheer), una parte è dedicata alle produzioni a marchio Monymusk.

Come da tradizione giamaicana, anche Clarendon produce diversi marks di rum che si differenziano essenzialmente per la quantità di esteri contenuti.

Review Clarendon 17 yo 2004 Precious Liquors

Clarendon 2004 è un rum di melassa con distillazione in alambicco pot still. Messo in invecchiamento nel 2004, ha affrontato 14 anni di invecchiamento tropicale (Giamaica) e 3 anni di invecchiamento continentale (Scozia). Un single cask e cask strenght, botte numero 433877, e 299 bottiglie. Questa edizione è stata realizzata da Precious Liquors per il Bar Lamp Ginza di Tokyo che vanta una collezione di circa 300 etichette. Peccato non avere il dettaglio del mark, ma ce ne faremo una ragione.

Color oro. Al naso l’alcool risulta molto poco invadente, tanta frutta tropicale, caramello e le aromaticità tipiche dei Rum ad alto contenuto di esteri. In bocca torna la frutta accompagnata da spezie (note pepate sicuramente), una leggera vaniglia e aromi legati alla presenza di una buona dose di esteri. C’è una certa freschezza, tipica delle aromaticità mentolate, soprattutto sul finale. L’alcool si conferma molto delicato in bocca, leggermente più pungente in gola. Una buona dose di aromaticità legnose testimoniano il lungo invecchiamento. Finale medio lungo.

Buon rum da meditazione che sicuramente può avere i suoi estimatori tra gli appassionati di rum giamaicano. Ha una certa delicatezza, quindi non aspettatevi le aromaticità “nude e crude” dei classici Hampden ad alto contenuto di esteri. In questo caso gli aromi degli esteri, pur presenti, vanno un pò cercati. Prezzo non per tutti ma vale il solito discorso legato alla bassa tiratura e al lungo invecchiamento.

Informazioni aggiuntive

Brand

,

Esteri

Gradazione

Livello

Nazione

,

Suddivisione Esteri

Suddivisione Gradazione

Tipologia

, , , , , , ,

Valutazione

Zuccheri/Additivi

Persistenza nel Bicchiere

Torna in alto